La Centrale Rischi gestita dalla Banca d'Italia, è uno prezioso strumento che apporta valore aggiunto al rapporto con i partner creditizi. Il documento chiamato CR (Centrale Rischi) è un report sugli assetti interni ed esterni all'azienda.

La rielaborazione dei dati può essere di supporto alla stesura dei Bilanci nonché nella valutazione dell’assetto finanziario, della correttezza delle garanzie a presidio degli affidamenti e dell’incidenza del costo dell’indebitamento bancario.

Il documento CR valuta la situazione bilancistica dell'azienda, la qualità degli effetti commerciali, individua le errate segnalazioni e valuta la qualità dei partner creditizi.

Oggi sono disponibili i dati della Centrale Rischi Banca d’Italia relativi agli affidamenti bancari in corso al 31 dicembre 2016. Pertanto è possibile procedere con la richiesta della visura CR (tramite pec) al fine di monitorare le posizioni.

Accanto alla CR Banca d’Italia vi sono le cosiddette banche dati private (CRIF, Experian, CTC, Assilea) molto spesso consultate dagli istituti per verificare lo “stato di salute finanziario” di imprese e privati. Monitorare anche queste informazioni, quasi tutte richiedibili gratuitamente, consente di correggere eventuali discrasie informative, spesso frequenti, rispetto alla Centrale Rischi Banca d’Italia ed avere un a situazione puntuale delle esposizioni finanziarie e fidejussorie.

 

REPORT RIELABORAZIONE DATI

 

 

Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a visitare il sito ne accetti l'uso

  Io accetto i cookies di questo sito.