Il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio del mare ha stanziato 17 milioni di euro per interventi di rimozione e smaltimento, anche previo trattamento in impianti autorizzati, dell'amianto presente in coperture e manufatti di beni e strutture effettuati dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2016.

Il credito d'imposta è riconosciuto nella misura del 50% delle spese sostenute in relazione a ciascun progetto di bonifica, unitariamente considerato, deve essere pari ad almeno a 20.000 euro. L'ammontare totale dei costi eleggibili è limitato all'importo di 400.000 euro per ciascuna impresa.

Sono ammesse, anche, le spese di consulenze professionali e perizie tecniche nei limiti del 10% delle spese complessive sostenute e comunque non oltre l'ammontare di 10.000,00 euro per ciascun progetto di bonifica unitariamente considerato.

Beneficiari possono essere i soggetti titolari di reddito d'impresa, indipendentemente dalla natura giuridica assunta, dalle dimensioni aziendali e dal regime contabile adottato ad esclusione delle imprese di produzione primaria di prodotti agricoli, pesca e acquacoltura, che effettuano interventi di bonifica dall'amianto, su beni e strutture produttive ubicate nel territorio dello Stato.

Il credito d’imposta è riconosciuto attraverso la presentazione telematica al Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare di apposita domanda a partire dal 16 novembre 2016 e fino al 31 marzo 2017.

 

 

 

Per assistenza nella presentazione dei documenti richiesti dai bandi di intervento
UFFICIO CREDITO E FINANZA AGEVOLATA
Resp. Pierpaolo Polese
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 0413969133

 

 

Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a visitare il sito ne accetti l'uso

  Io accetto i cookies di questo sito.