Via libera alla manovra da 5 miliardi di euro per attenuare l’impatto delle misure restrittive sulle categorie economiche più direttamente interessate dai provvedimenti restrittivi.

 

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale nella tarda serata di mercoledì 28 ottobre il Decreto Ristori che vale complessivamente oltre 5 miliardi di euro, utili per dare risorse immediate a beneficio delle categorie penalizzate dall’ultimo Dpcm del 24 ottobre 2020. Il Dl Ristori prevede contributi a fondo perduto per 53 categorie individuate attraverso i codici Ateco.

 

CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO ALLE ATTIVITÀ ECONOMICHE
 

Per i settori sospesi completamente come le palestre, le piscine, i teatri, i cinema, l'importo già ricevuto con il Decreto Rilancio viene raddoppiato.

Per le attività sospese parzialmente, che potenzialmente perdono molto più di metà del loro introito, si è deciso di applicare il coefficiente del 200% per i ristoranti e del 150% per bar, pasticcerie e gelaterie.

Secondo quanto si legge nel testo bollinato nella tarda serata di mercoledì 28 ottobre, si confermano inoltre gli indennizzi del 400% per le discoteche.

Ai ristoranti che hanno fino a 400mila euro di fatturato arriveranno in media 5.173 euro, per quelli fino a un milione di fatturato arriveranno 13.920 euro in media, per i ristoranti con un fatturato fino a 5 milioni di euro arriverà in media 25mila euro.

Per quanto riguarda le sale da concerto e i teatri, arriveranno 5mila euro per le fasce più basse, 13.900 per la fascia media e 30mila euro per la fascia alta.

 

LAVORO E CASSA INTEGRAZIONE
 

La cassa integrazione viene estesa per sei settimane aggiuntive e si potrà usufruire entro la fine di gennaio, quando terminerà anche il blocco dei licenziamenti che sarà esteso da febbraio in poi, al netto di nuove modifiche, solo per le imprese che a quel punto staranno ancora utilizzando la Cig.

La ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo, a fine cdm ha annunciato che per le aziende interessate dal Dpcm è prevista la sospensione dei versamenti contributivi relativi ai lavoratori per il mese di novembre.

Cancellata la seconda rata dell’Imu, che scade il 16 dicembre, per tutte le attività sospese o che hanno subito limitazioni di orario nel Dpcm del 24 ottobre. Credito d’imposta di tre mesi per chi paga un affitto.

 

CULTURA, EDITORIA, FIERE E CONGRESSI
 

Il fondo per la cultura incrementa la sua dotazione di 100 milioni di euro. Le risorse saranno destinate al sostegno delle librerie, dell'intera filiera dell'editoria, compresi le imprese e i lavoratori della filiera di produzione del libro, a partire da coloro che ricavano redditi prevalentemente dai diritti d'autore, nonché dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura non statali. Il fondo è destinato altresì al ristoro delle perdite derivanti dall'annullamento, dal rinvio o dal ridimensionamento, in seguito all'emergenza epidemiologica da Covid-19, di spettacoli, fiere, congressi e mostre. Per gli spettacoli dal vivo che salteranno di qui a gennaio, peraltro, sarà estesa la possibilità di ottenere un rimborso tramite voucher.

Arrivano altri 400 milioni per il sostegno agli operatori turistici, dalle agenzie di viaggio e i tour operator alle guide e gli accompagnatori turistici

 

Documenti utili:

 

PER INFO E SUPPORTO SCRIVI A Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. O CHIAMA A 041.3195011

 

Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a visitare il sito ne accetti l'uso

  Io accetto i cookies di questo sito.