Turismo sostenibile, diversificazione produttiva, attrattività: questi i temi per il rilancio di Venezia e dell’area metropolitana del Candidato Sindaco Pier Paolo Baretta nel confronto programmatico con Apindustria Venezia.

 

L'Associazione ha promosso giovedì 3 settembre scorso un momento di confronto con il Candidato Sindaco di Venezia e Sottosegretario presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze Pier Paolo Baretta.  

E’ stata un’occasione utile per dialogare sui temi legati al rilancio dell’economia locale e nazionale, all’occupazione e alle iniziative governative per il sostegno all’imprenditoria

All’incontro hanno partecipato, presso la sede di Mestre, i membri del Consiglio Direttivo di Apindustria Venezia, del Gruppo Pronto Soccorso Confapi e alcuni rappresentanti delle varie categorie imprenditoriali. 

Si è parlato di occupazione, di turismo sostenibile e di qualità, del rilancio di Porto Marghera in chiave tecnologica-avanzata, di riqualificazione e decoro urbano, ma anche di agricoltura, tessile e manifattura, con la proposta del marchio ‘Made in Venice’ da lanciare sul mercato internazionale.

Baretta ha fatto emergere alcune criticità e prospettive di sviluppo che non vanno ignorate ulteriormente. Marghera, ad esempio, può diventare il più grande incubatore di aziende innovative e verdi d’Europa, attraverso l’ottenimento dei finanziamenti europei a disposizione che vanno chiesti su piani chiari e un progetto green condiviso.

“Potrebbe trasformarsi in un luogo avveniristico di produzione di idrogeno e un'industria di trasformazione agroalimentare – ha affermato. Venezia è una medio-grande città europea e dobbiamo affrontare i problemi in un’ottica globale.”

“Dobbiamo avere in mente una diversificazione produttiva – ha proseguito il Sottosegretario. Qui c'è un protagonismo della Piccola e Media Impresa e dell'artigianato. Bisogna insistere, rafforzare, sviluppare un’attività economica legata alla storia ed alla tradizione della nostra città, quali ad esempio l'industria del vetro.”

Altro tema strategico trattato dal Candidato è stato quello della residenzialità, che non riguarda solo Venezia ma anche Mestre e tutta la terra ferma, come dimostrato dal sensibile calo degli abitanti. “Questo spopolamento genera uno scarto nel lungo periodo – ha denunciato. Il comune ha migliaia di abitazioni: immettiamo nel mercato un numero importante di dimore per giovani coppie, pendolari operatori economici che vogliono vivere nel territorio. Bisogna muoversi in un’ottica più concreta, partendo dal problema, ad esempio, dei parcheggi e delle licenze”.

In quanto a Mestre l’ex sindacalista propone un suo rilancio quale vero centro nevralgico della città metropolitana intera, quale sede dei sistemi logistici e dei servizi, nonché possibile sede di un centro Internazionale di studio dei cambiamenti climatici.

Convintamente il Sottosegretario ha concluso: “Dentro a questo sviluppo il cuore pulsante sono le PMI, fonte dell'intreccio con il territorio. Siamo in grado di guardare al futuro con concreta ambizione, mollando il modello ‘stucco e pittura’”.

Sono intervenuti per l’Associazione il Presidente Marco Zecchinel e il Direttore Nicola Zanon. Nel ringraziare l’interlocutore e i partecipanti per la disponibilità, Zecchinel ha espresso condivisione di approccio sindacale alle questioni industriali che, seppur su fronti diversi, costituisce un punto di vista imprescindibile in un momento così complicato dal punto di vista economico e sociale, il più sconfortante per Venezia dal Dopoguerra.

“Noi come imprenditori siamo disposti a fare la nostra parte – ha affermato il Presidente. Associazioni come la nostra sono disponibili ad apportare al dibattito politico locale il loro pensiero; nella consapevolezza che il nemico più grande in questa difficile congiuntura economica sia ‘l’assenza di pensiero’ che impedisce di disegnare una strategia futura.”

Il Direttore Zanon ha riassunto la situazione generale dal punto di vista lavorativo ed occupazionale del territorio, con il polso dei piccoli imprenditori iscritti. Sono intervenuti con dei mirati quesiti tematici al Candidato, inoltre, il Consigliere Corrado Secchi sulla manifattura e l’area di Marghera, gli albergatori Isabella Vianello e Alessandro Fornasier e il Vicepresidente Roberto Dal Cin sul turismo rispettivamente della città storica e del litorale, con un occhio ai lavoratori Stagionali, il Consigliere Simone Padoan sulla crocieristica e sul tema dell’attrattività internazionale del tessuto economico veneziano e l’imprenditore Massimiliano Brusato su Trasporto conto terzi in Laguna.

L’iniziativa di confronto programmatico rientra all’interno delle finalità della nostra Associazione, la quale crede fortemente nel valore di fare squadra e nella necessità di costruire relazioni forti e durature con gli stakeholder economici ed istituzionali del territorio.

 

PER INFO E SUPPORTO SCRIVI A UFFICIOSTAMPA@APINDUSTRIAVENEZIA.IT O CHIAMA A 041.8470725

 

Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a visitare il sito ne accetti l'uso

  Io accetto i cookies di questo sito.