Cinquanta tra imprenditori e albergatori hanno partecipato ad un aperitivo organizzato dal mandamento jesolano di Apindustria Venezia tenutosi venerdì 29 settembre presso il Principe Palace Hotel.

 
All'evento, ha partecipato anche il vicepresidente regionale Gianluca Forcolin che ha salutato i presenti, ringraziando l'associazione di categoria e ricordando che questa ha una funzione molto importante.
 

La Regione Veneto ogni anno compartecipa con circa 64 milioni di euro allo stanziamento di contributi ed agevolazioni da parte della Comunità Europea, che funge poi da moltiplicatore riversandoli sul territorio attraverso il sistema dei bandi regionali.

L'associazione ha il compito di fare da intermediario perché questi fondi possano arrivare alle aziende nel rispetto delle direttive europee. Forcolin, sottolinea infine: 
 

"L'associazione funge da collettore delle esigenze delle singole realtà imprenditoriali, oltre che da diffusore delle informazioni relative alle attività dell'Ente regionale, vestendosi del ruolo di intermediario tra il privato e l'ente pubblico".

 
"Le PMI in Italia rappresentano il 92% del PIL" è intervenuto il presidente di Apindustria Venezia, Ivan Palasgo. "Pensiamo quindi sia arrivato il tempo che gli imprenditori veneti facciano sentire la loro voce a partire dalle specifiche realtà territoriali come quella jesolana. Realtà che quest'estate ha perso il 2-3% di presenze secondo i dati indicati da Roberto Dal Cin presidente mandamentale di Apindustria Jesolo. Le cause sono la concorrenza di nuovi mercati, come ad esempio il Mar del Nord, e della già denunciata mancanza di servizi che rende meno appetibile il litorale jesolano.
 
Davanti a questo scenario, il direttore provinciale dell'associazione Nicola Zanon, ringrazia la presenza della vicepresidenza regionale e quella dell'amministrazione comunale nella figura dell'assessore alle attività produttive Alessandro Perazzolo.
Il dialogo con le istituzioni è importante ed il nostro impegno in questo primo anno di attività quanto in quello prossimo è quello di facilitare l'accesso ad agevolazioni e contributi per lo sviluppo di un turismo innovativo che possa vincere i confini della stagionalità anche grazie all'integrazione con altre eccellenze del territorio veneto.

 

 

Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a visitare il sito ne accetti l'uso

  Io accetto i cookies di questo sito.