Confapi, la Confederazione delle Piccole e Medie Imprese Italiane, dice no a governicchi e chiede a tutti un atto di responsabilità, capace di chiamare a raccolta le forze sane del Paese, quelle che sanno rimboccarsi le maniche, cambiare direzione e dare speranza per il futuro.

“Di questo e non altro abbiamo bisogno e la nostra società civile deve cominciare a gridarlo a gran forza. Chi come noi imprenditori della piccola e media industria privata lavora ogni giorno a fianco dei propri collaboratori vivendo una realtà che non è quella che ci viene raccontata nei talk show, sentiva il rischio di un risultato che divide, frammenta e non unisce. Non a caso lo avevamo denunciato in anticipo attraverso pagine di allerta sui principali quotidiani. ” afferma il presidente nazionale Maurizio Casasco.

 

Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a visitare il sito ne accetti l'uso

  Io accetto i cookies di questo sito.