L’allarme di Apindustria. Dal Cin: «I conti della stagione in flessione del 2%» In due anni perso il 4,5% dei posti di lavoro. La qualità del servizio ne risente



Calo del fatturato e dell’occupazione nel settore turistico sulla costa veneziana. Secondo Apindustria non è bastato un discreto settembre per riportare il segno più al fatturato 2018 del settore turistico. 


Secondo i primi dati raccolti tra gli associati, infatti, il minore potere di acquisto del turista, anche straniero, ha portato a una flessione dei consumi e di conseguenza dei fatturati delle imprese turistiche.

Ora l’associazione della piccola e media impresa parla di una perdita del 2% del fatturato rispetto al 2017, anno considerato più che positivo. 

«È soddisfacente il numero di presenze», spiega il presidente, Roberto Dal Cin, «soprattutto per i turisti stranieri, provenienti prevalentemente da Germania e Austria, ma molti anche dall’Est, confermando un trend positivo già riscontrato nelle annate precedenti. Da segnalare in modo particolare il ritorno del turismo inglese, che attesta un aumento stimabile mediamente attorno al +3, 0%, anche se concentrati prevalentemente in periodi di bassa stagionalità».

«Negativi, invece», prosegue Dal Cin, «i dati relativi alle presenze in loco dei proprietari di appartamenti e luoghi di alloggio, i quali riducono la loro permanenza nei propri immobili, che rimangono a lungo inabitati. A risentirne di conseguenza, inevitabilmente, sono gli esercizi pubblici locali, a causa della naturale forte riduzione dei consumi interni, di beni alimentari e di prima necessità».

Per quanto concerne il mercato del lavoro, rispetto al 2016, Apindustria registra un calo degli occupati nel settore servizi (turismo + commercio e ristorazione) pari al 4, 5%. 

Ed esprime preoccupazione per la perdita di posti nel settore trainante. «Anche nel 2018 si è registrata la difficoltà degli operatori nel trovare personale qualificato, nonostante retribuzioni interessanti», conclude l’analisi Dal Cin, «di conseguenza, sia il forte turn-over rispetto agli anni precedenti che la ridotta esperienza professionale del personale causano un basso livello qualitativo del servizio offerto e un posizionamento dell’offerta turistica verso il basso, generando un circolo vizioso. Il mandamento di Jesolo di Apindustria sta organizzando per il 27 febbraio 2019 una giornata dedicata al lavoro denominata “Job Day” suddivisa in 2 momenti, al mattino dedicata ai candidati che vogliano proporsi e inserirsi in banca dati e al pomeriggio agli albergatori, commercianti e aziende dell’indotto sui contratti stagionali per l’assunzione che fa seguito ad un ciclo di 3 incontri formativi che si terranno il 16, 30 gennaio e 13 febbraio sulla gestione manageriale ed organizzazione delle strutture alberghiere». —




 

Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a visitare il sito ne accetti l'uso

  Io accetto i cookies di questo sito.