La proposta di Leo (Scegli civica) «Un metodo per sondare il consenso»

SAN DONÀ Un sondaggio per riunire il centrodestra. È la proposta lanciata da Oliviero Leo di Scegli civica come possibile arbitro tra le due coalizioni che propongono come candidati: da una parte Paolo Madeyski sostenuto da Fi, le liste di Francesca Zaccariotto, Fare e Apindustria e dall'altra Francesca Pilla che mette d'accordo Lega, Fratelli d'Italia, Direzione Italia e le civiche di Gianni Corradini ed Alberto Zorzenoni. Leo rinnova l'appello per individuare un unico candidato con un sondaggio, come alternativa alle primarie.

«Serve un metodo per sondare il consenso espresso dai cittadini spiega Leo con un sondaggio commissionato ad un'azienda seria, poiché l'ipotesi delle primarie è stata scartata. L'unità delle coalizioni è il solo elemento in grado di strappare la città alla sinistra, altrimenti non si vince. Scegli civica individua la necessità di azzerare tutto, mettere da parte l'orgoglio e scegliere un unico leader. Ci auguriamo prevalga il buonsenso».

PERPLESSITÀ Una strada però difficilmente percorribile per Francesca Zaccariotto, ad un passo dall'aderire a Forza Italia e regista della candidatura di Madeyski assieme a Fi. «Non si può tornare indietro - spiega l'ex sindaco Madeyski è stato scelto attraverso criteri elaborati insieme e proposti da Scegli civica, quindi si pone una questione di serietà per chi ha lavorato per mesi. Sono stati firmati dei verbali con atto di accettazione del candidato, contenenti l'accordo politico. Il tempo è prezioso per la campagna elettorale. Il mio gruppo aveva proposto l'ipotesi di un sondaggio, poi accantonata, poiché serve un campione e il costo stimati è di circa 10 mila euro».

Mentre Alberto Schibuola segretario del Carroccio ricorda che i criteri di scelta del candidato ideale che erano stati individuati più di un anno fa: persona conosciuta stimata operante nel territorio, senza tessera di partito e senza una chiara connotazione partitica, per evitare veti incrociati. «Abbiamo seguito questi criteri spiega Schibuola - proponendo Pilla che ha tutti questi requisiti. Mentre Madeyski dichiara di essere berlusconiano da sempre e quindi con una chiara connotazione partitica. Per questo riconfermiamo la candidatura indipendente di Pilla e ribadiamo che comunque siamo sempre aperti al dialogo con le altre forze di centrodestra».

 

Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a visitare il sito ne accetti l'uso

  Io accetto i cookies di questo sito.