Il Veneto è tra le prime regioni esportatrici. La crescita è stata costante dal 2006 al 2015, con un unico dato negativo registrato nel 2009. Tra il 2014 e il 2015 si registra una variazione percentuale del +5,3%, con un aumento di valore di 2,2 miliardi di euro. Questo il focus fatto da Apindustria Veneto. Il principale settore dell’export veneto rimane anche nel 2015 quello della meccanica che ha avuto un incremento annuo sensibilmente superiore a quello nazionale: +6,0%. Per i mercati esteri a fronte di una sensibile contrazione delle vendite in Russia e Cina, si registra un importante aumento del fatturato negli USA, in Algeria, nel Regno Unito, in Spagna e in Egitto Per la provincia di Venezia, si rafforzano il tessile e abbigliamento (+59,7%), la meccanica (+13,2%), l’agroalimentare (+9,6%) e metalli (+6,8%). I principali mercati di sbocco sono quelli Regno Unito, Francia, Germania e Spagna. Oltre i confini europei spiccano USA, Cina, Messico, Turchia e Corea. Il mercato dell'esportazione verso la Gran Bretagna ha subito un netto rialzo lo scorso anno, facendo registrare un +17%. Una notizia positiva, fino alla doccia fredda dei risultati del referendum di domenica scorsa. Ora c’è preoccupazione.

 

GUARDA IL SERVIZIO

 

Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a visitare il sito ne accetti l'uso

  Io accetto i cookies di questo sito.